A1 maschile

A Vibo arriva la 20esima vittoria consecutiva dell'Itas Trentino: Lisinac trascina i trentini che restano in vetta

14.01.2019 00:47

 

La corsa lanciata dell’Itas Trentino in SuperLega Credem Banca 2018/19 non conosce soste nemmeno in Calabria. Questa sera a Vibo Valentia, nella trasferta più lunga della sua regular season, i Campioni del Mondo hanno infatti nuovamente raccolto bottino pieno grazie al 3-0 con cui hanno violato il campo della Tonno Callipo. I tre punti conquistati al PalaValentia consentono alla squadra di Lorenzetti di difendere il primo posto in classifica dal tentativo di assalto di Perugia, che sabato sera aveva momentaneamente scavalcato i gialloblù grazie al 3-1 imposto a Civitanova.
Il ventesimo successo consecutivo è arrivato grazie ad una prestazione in crescita da parte dei gialloblù, bravi a controllare la sfuriata iniziale dei padroni di casa (affidata principalmente a Skrimov e Al Hachdadi) e poi a diventare sempre più padroni del campo con un servizio affilatissimo (10 ace a fronte di soli 13 errori) e un sistema di gioco magistralmente gestito a rete da Giannelli. Russell e Candellaro (80% in attacco), ma anche Kovacevic (64%) e l’mvp Lisinac (3 muri, 2 ace ed il 50% in primo tempo) sono diventati in fretta un incubo per i padroni di casa, rivelatisi molto fallosi (25 errori fra schiacciate e servizi) ed in difficoltà a prendere le misure agli iridati.

 

 

La cronaca del match. L’Itas Trentino si presenta in Calabria senza particolari problemi di formazione: Lorenzetti per il suo starting six sceglie quindi Giannelli in regia, Vettori opposto, Kovacevic e Russell schiacciatori, Lisinac e Candellaro al centro, Grebennikov libero. La Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia schierata da Valentini prevede Zhukouski al palleggio, Al Hachdadi opposto, Barreto e Skrimov in banda, Vitelli e Mengozzi al centro, Marra libero. L’inizio di match è nel segno di Skrimov che prima in attacco e poi in battuta (2 ace) firma il 3-6 casalingo. Con Lisinac in battuta e poi con Kovacevic a rete, Trento ricuce in fretta lo strappo pareggiando i conti già a quota 10; un errore a rete di Al Hachdadi in seguito consente ai gialloblù di effettuare il sorpasso (12-13). Anche l’Itas Trentino è però piuttosto fallosa e con due attacchi out (di Vettori e Kovacevic) offre il nuovo +2 agli avversari (13-15). Lo stesso opposto emiliano realizza l’ace che vale l’immediata parità. Il rush finale è combattuto punto a punto (17-17, 21-21); a risolvere il primo parziale ci pensano i servizi di Russell, che costruiscono due palle set (24-22, con anche un ace diretto). Alla seconda occasione gli ospiti chiudono i conti, sul 25-23, con un primo tempo di Candellaro.
L’epilogo al fotofinish del primo parziale influisce anche sull’inizio del secondo; con muro e servizio l’Itas Trentino parte a spron battuto (5-1). Valentini spende subito un time out ma la situazione per i gialloblù migliora ancora quando in zona di battuta va Kovacevic (11-3). In campo Trento continua a dominare in fase di break point (15-7, 20-21) e vola verso il 2-0 velocemente, mettendo in mostra una pallavolo pratica ma anche bella, con Giannelli che chiama in causa tutti i suoi attaccanti ed ottiene in fretta il 25-16.
L’ottimo momento dei Campioni del Mondo prosegue anche nel terzo set, subito indirizzato verso il versante trentino grazie ad un bruciante avvio (3-1, 6-2) in cui si registrano i muri di Kovacevic e gli attacchi di Russell. Vibo prova a rifarsi sotto (12-10) con Al Hachdadi e Mengozzi; Trento fiuta il pericolo e riparte coi servizi velenosi di Giannelli (16-11) e chiude sul 3-0 (25-18) senza soffrire più. Nelle battute finali spazio in campo anche a Codarin e Cavuto.

 

Aver vinto il primo set, situazione che non ci capita spesso in trasferta, ci ha obiettivamente aperto la strada verso il risultato che volevamo alla vigilia ma che non ritenevamo assolutamente scontato – ha dichiarato l’allenatore dell’Itas Trentino Angelo Lorenzetti al termine del match – . Siamo stati bravi a contenere il loro servizio, che poteva essere un’arma temibile, soprattutto nel primo set ma l’atteggiamento è stato giusto per l’intera partita. Siamo contenti perché quella che ci siamo messi alle spalle è stata una settimana di lavoro intenso, che poteva renderci meno brillante. Guardiamo ai prossimi impegni con soddisfazione e fiducia”.
L’Itas Trentino rientrerà a Trento nella tarda mattinata di lunedì perché, a differenza di quanto previsto sino a qualche giorno fa, non dovrà più viaggiare alla volta della Germania per disputare il prossimo impegno. Causa forte maltempo in terra tedesca, la gara di ritorno degli Ottavi di Finale di 2019 CEV Cup con l’Hypo Tirol AlpenVolleys Haching si giocherà infatti alla BLM Group Arena di Trento mercoledì 16 gennaio alle ore 20.30 anziché ad Unterhaching. La partita che consegna la qualificazione ai quarti verrà preparata dai gialloblù a partire da martedì pomeriggio.


Di seguito il tabellino della gara della diciassettesima giornata di regular season di SuperLega Credem Banca 2018/19 giocata questa sera al PalaValentia di Vibo Valentia.

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia-Itas Trentino 0-3
(23-25, 16-25, 18-25)
TONNO CALLIPO CALABRIA: Barreto 1, Vitelli 5, Zhukouski 1, Skrimov 8, Mengozzi 4, Al Hachdadi 12, Marra (L); Marsili, Strohbach 5, Lopez 2. N.e. Cappio, Domagala, Presta. All. Antonio Valentini.
ITAS TRENTINO: Candellaro 4, Giannelli 4, Kovacevic 11, Lisinac 9, Vettori 8, Russell 12, Grebennikov (L); Van Garderen, Cavuto, Codarin. N.e. Nelli, Daldello, De Angelis. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Piana di Modena e Brancati di Città di Castello (Perugia).
DURATA SET: 28’, 24’, 23’; tot 1h e 15’.
NOTE: 1.225 spettatori, per un incasso di 6.000 euro. Tonno Callipo Calabria: 4 muri, 2 ace, 18 errori in battuta, 7 errori azione, 58% in attacco, 44% (21%) in ricezione. Itas Trentino: 4 muri, 10 ace, 13 errori in battuta, 6 errori azione, 61% in attacco, 62% (42%) in ricezione. Mvp Lisinac.

 

(fonte Trentino Volley)

Commenti

Parolari e Dell'Osso volano in azzurro: con la nazionale Under 17 staccano il pass per gli Europei di categoria
Coppa Italia: quarti di finale amari per una Delta Informatica con i cerotti, in semifinale ci va Mondovì