A1 maschile

Ad un passo dal trionfo: l'Itas rimonta due set a Modena ma non basta, la Supercoppa finisce in Emilia

07.10.2018 22:50

 

Il sogno di tornare a conquistare, a tre anni e mezzo di distanza dall’ultima volta, un trofeo per la propria bacheca svanisce solo sulla linea del traguardo per l’Itas Trentino. La formazione gialloblù questa sera al Pala Barton di Perugia ha infatti dovuto lasciare strada all’Azimut Leo Shoes Modena nella Finale di Del Monte® Supercoppa 2018 dopo cinque set ed oltre due ore di battaglia; gli emiliani si sono imposti per 2-3 al termine di una partita in altalena. Meglio gli emiliani nella prima parte di gara, trascinati da un grande Zaytsev ed un Christenson già calatosi perfettamente nella nuova realtà; Trento però ha dimostrato di avere già la voglia di combattere, risalendo la china sino al 2-2 grazie ad un apporto sempre più convincente di Lisinac, Russell e Kovacevic, cresciuti enormemente alla distanza. Sul più bello però i gialloblù hanno finito la benzina, lasciando di nuovo spazio al servizio dell’Azimut Leo Shoes che, con Zaytsev ha fatto la differenza nel momento decisivo.
I ragazzi di Lorenzetti possono comunque archiviare il weekend in Umbria con il segno positivo, soprattutto per quanto fatto vedere nel match con Perugia e tenendo conto che alle spalle la squadra aveva appena un paio di allenamenti insieme. 
La cronaca della partita. Angelo Lorenzetti conferma anche per la Finale la formazione che aveva utilizzato per buona parte del match di venticinque ore prima contro Perugia: Giannelli al palleggio, Vettori opposto, Kovacevic e Russell in banda, Candellaro e Lisinac al centro e Grebennikov libero. L’Azimut Leo Shoes Modena proposta da Velasco prevede Christenson in regia, Zaytsev opposto, Bednorz e Urnaut schiacciatori, Anzani e Holt centrali, Rossini libero. L’inizio di match è tutto nel segno di Modena, che con Bednorz si porta subito sull’1-4 e dà l’idea di essere già in partita; col muro e la battuta di Giannelli, Trento però ci impiega poco a recuperare l’avversario e a mettere la freccia sul 9-6. Modena ritorna in auge con Zaytsev (10-10) e poi mette di nuovo la freccia (11-13), prima che si scateni Russell che quasi da solo firma con attacco e servizio un nuovo strappo importante (17-14). Zaytsev replica al suo ex compagno di squadra (19-20, time out Lorenzetti). Il rush finale è regolato da Bedznorz, che porta i suoi sul +4 (20-24) e poi chiude i conti sul 23-25, dopo che l’Itas Trentino aveva avuto la forza di annullare tre palle set.
Sull’onda dell’entusiasmo Modena parte alla grande anche nel secondo set, sfruttando al massimo la potenza del proprio servizio, a volte fortunato (ace con l’aiuto del nastro per il 3-5) ed altre invece decisamente potente e meritevole (6-10). L’Itas Trentino soffre tremendamente in ricezione e lascia spazio agli spunti avversari, che volano veloci verso il 2-0 (7-13, 10-16, 17-22 e 19-25) senza che i trentini riescano effettivamente ad impensierire gli avversari, trascinati dal loro opposto.
Trento prova a reagire in avvio di terzo parziale, poggiandosi sul suo servizio e sul muro (8-3). Giannelli è bravo al servizio ed insiste bene su Russell e Lisinac (11-5). Modena non sembra avere le forze per reagire, sbanda (16-10), prova rientrare in partita (19-15) con Zaytsev ma poi cede nettamente per 25-16 grazie alle stoccate decisive di un Vettori in crescita e del solito Russell.
Nel quarto set si torna a giocare punto a punto (6-5), sino a quando non si scatena Kovacevic che quasi da solo firma il +3 (11-8). Holt non ci sta e con la battuta scrive la nuova parità (11-11), prima che Giannelli sempre col servizio incida un nuovo promettente vantaggio (15-12). L’Azimut Leo Shoes smarrisce la strada del cambiopalla, anche perché Vettori e Lisinac diventano spietati a rete ed in battuta; in un attimo i gialloblù accelerano ancora (20-14) e vincono a mani basse anche il quarto periodo, chiuso già sul 25-18.
Il tie break vede Modena scattare meglio dai blocchi di partenza (4-6, 5-8), con Kovacevic che accusa un passaggio a vuoto in atto. L’Azimut Leo Shoes dilaga (8-13) e chiude i conti con Zaytsev (8-15).
“Stasera i complimenti vanno divisi fra le due squadre – ha commentato al termine della partita Angelo Lorenzetti - ; a Modena per la bella pallavolo fatta vedere nell’arco del match ma anche ai miei ragazzi perché hanno lottato sino alla fine, ritrovando il bandolo della matassa dopo una partenza in salita. Con così poco lavoro insieme non era scontato farlo ed invece ci siamo riusciti. Le cose da migliorare non mancano ma durante questo weekend abbiamo dimostrato di poter stare fra le grandi del campionato ed è da questa convinzione che bisogna ripartire”.
L’Itas Trentino farà ritorno a Trento già nella notte e godrà di un giorno di riposo prima di riprendere gli allenamenti alla BLM Group Arena. Da martedì in sala pesi si comincerà a preparare il debutto in SuperLega Credem Banca 2018/19, previsto per domenica 14 ottobre in casa contro la neopromossa Emma Villas Siena (ore 17.45): prevendita biglietti già attiva, anche su internet al link direttowww.vivaticket.it/ita/event/itas-trentino-siena/118986.

Di seguito il tabellino della Finale di Del Monte® Supercoppa Italiana 2018, giocata questa sera al Pala Barton di Perugia. 

Azimut Leo Shoes Modena-Itas Trentino 3-2

(25-23, 25-19, 16-25, 18-25, 15-8)

AZIMUT LEO SHOES: Urnaut 10, Anzani 5, Zaytsev 25, Bednorz 11, Holt 10, Christenson 6, Rossini (L); Mazzone 2, Kaliberda 3, Pierotti. N.e. Benvenuti, Van Der Ent, Pinali, Keemink All. Julio Velasco.
ITAS TRENTINO: Kovacevic 14, Lisinac 10, Vettori 12, Russell 21, Candellaro 7, Giannelli 7, Grebennikov (L); Van Garderen 2, Nelli, Cavuto, Codarin. N.e. Daldello, De Angelis. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Goitre di Torino e Simbari di Milano.

DURATA SET: 32’, 25’, 25’, 25’, 17’; tot. 2h e 4.

NOTE: 4.050 spettatori, incasso 64.000 euro. Azimut Leo Shoes: 7 muri, 10 ace, 18 errori in battuta, 7 errori azione, 48% in attacco, 40% (27%) in ricezione. Itas Trentino: 12 muri, 9 ace, 16 errori in battuta, 8 errori azione, 49% in attacco, 41% (25%) in ricezione. Mvp Christenson

 

 

(fonte Trentino Volley)

Commenti

"Ciao Ale!", questa sera si balla swing a Rovereto per ricordare Alessia Gadotti
San Giovanni in Marignano è un rullo: la nuova stagione della Delta Informatica inizia con un brusco ko