Varie

Pubblicata la Guida Pratica 2018: ecco le principali novità della prossima stagione, dalla A ai giovanili

16.06.2018 00:29

 

di Nicola Baldo

 

Nella giornata di venerdì 15 giugno la Fipav nazionale ha pubblicato la Guida Pratica 2017/2018, approvata sette giorni prima.


Vediamo quali saranno le principali novità in tema di campionati per la prossima stagione.

 

DEFIBRILLATORE: MEZZORA PER SISTEMARE EVENTUALI ASSENZE NEI CAMPIONATI NAZIONALI

La responsabilità della presenza dell’addetto al defibrillatore o dell’ambulanza e del medico di servizio rimane in capo alla società ospitante per tutta la durata della gara, così come la stessa società ospitante è responsabile di comunicare all’Arbitro l'eventuale temporanea o definitiva assenza: 

dell’addetto al defibrillatore che nel caso potrà essere sostituito dal Medico di servizio; 

 

dell’ambulanza provvista di defibrillatore;

in tal caso l'Arbitro interromperà la partita e la società ospitante avrà 30 minuti di tempo per far sopraggiungere un’altra ambulanza oppure reperire un defibrillatore con il relativo addetto al suo utilizzo; 

 

del Medico di servizio; in tal caso l’Arbitro interromperà la partita e la società ospitante avrà 30 minuti di tempo per reperire un altro Medico.

 

In tutti i casi suddetti se la società ospitante non provvederà nei termini previsti a rispristinare il servizio, la gara verrà sospesa in via definitiva e la squadra ospitante in sede di omologa sarà sanzionata dal Giudice Sportivo con la perdita dell’incontro con il punteggio più sfavorevole. Si precisa che il termine di 30 minuti è da considerare complessivamente nell’arco dell’intera durata della gara, ossia le possibili sospensioni, non possono superare i 30 minuti complessivi. In caso di utilizzo del defibrillatore e quindi in presenza di una situazione di emergenza, gli Ufficiali di Gara in accordo con l’Ufficio Campionati valuterà l’eventuale sospensione della gara e in tale caso il Giudice Sportivo ne disporrà il recupero senza attribuire alcuna sanzione

 

DEFIBRILLATORE ANCHE AI TORNEI

Diventa ora obbligatorio non solo avere un defibrillatore ed un addetto in tutti i campionati, ma anche in “tutti i tornei ed amichevoli autorizzati dalla Fipav”.

 

DEFIBRILLATORE NEI REGIONALI E PROVINCIALI: MEZZORA DI TOLLERANZA

La responsabilità della presenza dell’addetto al defibrillatore rimane in capo alla società ospitante per tutta la durata della gara, così come la stessa società ospitante è responsabile di comunicare all’Arbitro l’eventuale temporanea o definitiva assenza dell’addetto.

 

In tal caso l’Ufficiale di Gara interromperà la partita e la società ospitante avrà 30 minuti di tempo per reperire un nuovo addetto al defibrillatore. Si precisa che il termine di 30 minuti è da considerare complessivamente nell'arco dell’intera durata della gara, ossia le possibili sospensioni per assenza dell’addetto al defibrillatore, non possono superare i 30 minuti complessivi.

 

Nel caso in cui non venga reperito un nuovo addetto, la gara verrà sospesa in via definitiva e la squadra ospitante in sede di omologa sarà sanzionata dal Giudice Sportivo con la perdita dell’incontro con il punteggio più sfavorevole. In caso di utilizzo del defibrillatore e quindi in presenza di una situazione di emergenza, la gara verrà sospesa in via definitiva e il Giudice Sportivo ne disporrà il recupero senza attribuire alcuna sanzione.

 

USO DEI GIOVANI: SCENDONO A 10 LE PRESENZE POSSIBILI IN B

Le ragazze nate negli anni 2000 e successivi, che militano in serie B1 e B2 ora potranno essere utilizzate fra la cadetteria ed i campionati inferiori fino ad un massimo di 10 partite. E non più di 15. Dopo la undicesima presenza in serie B le ragazze in questione non potranno più giocare nei campionati regionali o provinciali.

 

USO DEI GIOVANI E DOPPIO CAMPIONATO

Gli atleti maschi nati negli anni 1997 e successivi per le società di serie A e per i ragazzi maschi nati negli anni 1999 e successivi per le società di serie B maschile, sarà possibile svolgere un doppio campionato. Giocare, cioè, in serie A o B e contemporaneamente anche nei campionati regionali e provinciali fino a 10 presenze.

Le ragazze nate negli anni 2000 e successivi per le società di A1 ed A2 potranno giocare in un doppio campionato fino a 15 ingressi. Mentre in serie B le giovani nate negli anni 2000 e successivi potranno giocare fino a 10 partite in serie B prima di non poter più entrare nei campionati inferiori.

 

SI POTRA GIOCARE ANCHE IN ALTRE REGIONI

La nuova Guida Pratica permette una cosa. Ovvero di giocare in un Comitato Territoriale contiguo a quello di appartenenza per scelta delle società. Ma solo per scelta “causata da problemi logistici e/o geografici”. Presentando all'atto di iscrizione ai campionati interessati una richiesta adeguatamente motivata.

 

DAL 2019/2020 IN LISTA ANDRANNO 14 RAGAZZE IN SERIE B

Dalla stagione 2019/2020 per adeguarsi a quanto previsto dalle Regole di Gioco, la Norma sull'utilizzo dei liberi varierà come segue:

Nei Campionati di Serie A1-A2-B-B1 e B2 e rispettive Coppe Italia ogni squadra potrà iscrivere a referto: max 12 atleti/e senza alcun Libero oppure max 14 atleti/e compresi due Libero oppure max 13 atleti/e compresi due Libero.

 

STRANIERE IN SERIE A FEMMINILE

Confermato che in serie A2 femminile si potrà giocare con una sola straniera. O, meglio, se ne potranno ancora tesserare al massimo due, mettendole entrambe a referto, ma in campo dovranno esserci sempre e comunque sei italiane sulle sette giocatrici.

In A1 femminile al massimo ci potranno essere sei straniere a referto e tre italiane sempre in campo sulle sette giocatrici.

 

ARBITRI CON IL MICROFONO IN SERIE A

Da questa stagione in tutte le gare della SuperLega (comprese le gare della regular season e della Coppa Italia) e nel campionato di A1/F nelle gare di semifinale e finale dei play off scudetto e nelle gare della Final Four della Coppa Italia, sarà prevista la microfonatura degli arbitri per la comunicazione wi-fi con un sistema ricetrasmittente digitale criptato che consentirà alla coppia arbitrale di colloquiare in maniera riservata. L’apparecchiatura, che permette di parlarsi in continuo e filtra automaticamente i rumori forti come il fischietto, punta a migliorare la comunicazione tra i direttori di gara. La microfonatura nel campionato di A1/F è prevista per le gare di semifinale e finale dei play off scudetto e per le gare della Final Four della Coppa Italia.

 

IL TERZO ARBITRO ARRIVA IN PIANTA STABILE IN SERIE A

Da questa stagione in tutte le gare della SuperLega (comprese le gare della regular season e della Coppa Italia) e nel campionato di A1/F nelle gare di semifinale e finale dei play off scudetto e nelle gare della Final Four della Coppa Italia, il Settore Nazionale Ufficiali di Gara provvederà alla designazione di un 3° arbitro.

 

POSSIBILE USARE IL REFERTO ELETTRONICO IN SERIE B

Sarà possibile, per le società che vorranno, utilizzare il referto elettronico nei match di serie B maschile.

 

IN ARRIVO I DUE GIRONI IN SERIE A2 FEMMINILE

Vedi la news ad hoc che abbiamo pubblicato QUI

 

CONFERMATO: IN SERIE B NIENTE OVER

Il Consiglio federale ha confermato l’abolizione della Limitazione degli atleti OVER da elencare nei CAMP3 delle gare dei Campionati di Serie B Maschile, serie B1 e B2 Femminile comprese le gare di Coppa Italia.

 

ENTRO DUE ANNI TUTTI IN B CON IL REFERTO ELETTRONICO

Entro una paio di stagioni l’utilizzo del referto elettronico sarà esteso anche ai campionati di Serie B.

 

LA SERIE B MASCHILE 2018/2019

Saranno 112, 8 gironi da 14 squadre l'uno, il massimo dei partecipanti. Fra loro la società altoatesina fresca di retrocessione dalla A2 e la giovanile della Trentino Volley, neopromossa dalla C regionale. Saranno 7 le promozioni nella nuovissima A3 che arriverà fra due anni, nessuna diretta ma solo attraverso playoff fra prime e seconde classificate degli otto gironi. Retrocederanno, invece, in serie C maschile le ultime tre classificate di ciascun raggruppamento.

 

LA SERIE B FEMMINILE 2018/2019

Confermate in B1 56 squadre, 4 gironi da 14 squadre l'una. Fra queste ci saranno anche le tre trentine Argentario, Walliance Ata e Lagaris Volano Volley. Saranno promosse in A2 le quattro vincitrici dei gironi e la vincitrice del playoff fra le seconde e le terze dei quattro raggruppamenti.

 

Dalla prossima stagione, 2019/2020, le retrocessioni dalla B1 alla B2 aumenteranno: da tre a quattro in ogni girone.


In serie B2 si avranno nove gironi, con 14 squadre in ciascun raggruppamento. Al via diverse squadre regionali. Saranno promosse in B1 la prima classificata di ogni girone e le tre squadre che vinceranno i playoff fra seconde e terze di ogni girone. Retrocederanno in serie C le ultime quattro classificate di ogni girone.

 

DAL 2019 LA B2 FEMMINILE AVRA UN GIRONE IN PIU

Dalla stagione 2019/2020 il campionato di serie B2/F si disputerà con un organico di 140 squadre (10 gironi da 14 squadre).

 

LE DATE DELLA SERIE B

  • Periodo per la cessione dei diritti di serie B dall'1 al 6 luglio;

  • Dal 10 luglio via alle iscrizioni

  • Il 14 luglio scadenza delle iscrizioni

  • Dopo il 18 luglio ed entro il 21 luglio eventuali ripescaggi e stesura dei gironi

  • Dopo il 28 luglio pubblicazione dei calendari

 

I campionati di serie B 2018/2019 prenderanno il via nel fine settimana del 13 e 14 ottobre, per terminare il 4 maggio 2019. Sette giorni dopo via ai playoff, che termineranno al massimo l'8 ed il 9 giugno 2019.

 

ALMENO 10 SQUADRE IN SERIE C E D

Vedi la news ad hoc pubblicata QUI

 

CONFERMATA LA PROMOZIONE DIRETTA

Anche nella prossima stagione le squadre vincitrici della serie C regionale, maschile e femminile, potrà essere promossa direttamente in B2 femminile ed in B maschile.

 

L'UNDER 20 SI FERMA IN REGIONE

Nei campionati giovanili l'unica novità riguarda l'Under 20 maschile, che non avrà più una finale nazionale. Ma si fermerà solamente alla fase regionale.

 

Commenti

La Guida Pratica 2018 impone 10 squadre, minime, in C, D e Prima divisione. Ripescaggi in vista?
La Guida Pratica 2018, capitolo tasse e contributi: qualche costo in più per gli arbitri