A1 maschile

Tutto o niente: stasera per la Trentino Itas sarà match da "dentro o fuori" in Champions contro la Dinamo Mosca

28.10.2020 09:42

 

Si gioca fra oggi e giovedì ad Amriswil, in Svizzera, il girone H del secondo ed ultimo turno della fase preliminare di 2021 CEV Champions League che assegna un solo posto nella Main Phase del massimo torneo continentale. Dopo aver brillantemente superato il primo turno casalingo un mese fa, la Trentino Itas torna in campo in rapida sequenza affrontando in terra elvetica la Dinamo Mosca (28 ottobre, ore 19) e i padroni di casa del Lindaren Volley (29 ottobre, ore 19). Entrambe le partite verranno trasmesse in diretta su Radio Dolomiti e su www.eurovolley.tv (servizio a pagamento).
 

LA FORMULA ED IL PROGRAMMA COMPLETO La Pool H del secondo turno preliminare vede la partecipazione di tre squadre ed assegna solo alla prima classificata la qualificazione alla Pool E della Main Phase, che conta già su Novosibirsk (Russia), Friedrichshafen (Germania) e Karlovarsko. Il programma della tre giorni di gare si apre già questa sera con la sfida fra Lindaren Volley e Dinamo Mosca (ore 19); sempre alla stessa ora poi si disputeranno le sfide fra Trento e i russi (mercoledì) e quella fra i padroni di casa e gli italiani (giovedì).
 

QUI TRENTINO ITAS Vincere la Pool H per qualificarsi alla Main Phase e rilanciarsi dopo due sconfitte consecutive in campionato. I gialloblù sono approdati lunedì sera in Svizzera con questo obiettivo per disputare un doppio turno di gare cruciale per il cammino internazionale della propria stagione.
“E’ un momento particolarmente importante, che ci impone di saper trovare immediatamente i giusti correttivi agli aspetti meno convincenti messi in mostra nelle ultime partite – ha spiegato l’allenatore Angelo Lorenzetti - . Ho fiducia che la squadra possa farlo; servirà una pronta reazione di carattere perché il calendario di questa Pool ci propone subito l’avversario più forte. La Dinamo Mosca è una squadra che gioca bene ed è in palla in questo periodo; se vogliamo qualificarci sappiamo di dover esprimere una pallavolo più efficace di quella dei russi ma anche di quella degli svizzeri, che sfideremo il giorno dopo”.
Il tecnico trentino avrà a disposizione gli stessi dodici giocatori che ha utilizzato domenica in terra brianzola; l’unico assente resta quindi lo schiacciatore Alessandro Michieletto. Nel pomeriggio di oggi e nella mattinata di mercoledì Giannelli e compagni inizieranno a prendere le misure all’impianto di gioco, svolgendo due sessioni di allenamento.
 

PRIMO AVVERSARIO: DINAMO MOSCA L’avvio di stagione della compagine russa – da sempre fra le più prestigiose del suo paese assieme a Kazan, Belgorod e Lokomotiv Novosibirsk - è stato particolarmente positivo. La squadra della capitale arriva infatti in Svizzera forte di cinque vittorie in altrettante partite giocate nel campionato russo (l’ultima ottenuta sabato per 3-1 in casa del Kemerovo di Zaytsev) e dopo aver staccato senza particolari problemi la qualificazione al secondo turno preliminare di Champions League, liquidando i bulgari del Bourgas e gli austriaci dell’Aich/Dob nella Pool D. Con questa manifestazione la Dinamo ha fra l’altro un conto aperto, visto che è fra le poche che non è riuscita ancora a vincere. Nel suo ricco palmares, oltre a svariati titoli nazionali, c’è spazio infatti spazio per tre trofei internazionali, ma non per il più prestigioso: una Coppa delle Coppe (conquistata nella stagione 1984/85) e due Coppe CEV; la prima conquistata nel 2011 dopo aver eliminato l’Acqua Paradiso Monza in semifinale (al Golden set) e battuto i polacchi del Resovia in finale, la seconda ottenuta nel 2015 superando in finale al golden set proprio Trentino Volley. Nonostante sia stata spesso presente alle Final Four (le ultime due nel 2010 e 2011, a Lodz e Bolzano), la Champions League è sempre sfuggita ai moscoviti. L’organico a disposizione del tecnico Brianskii può contare su una punta di diamante come sull’ex Tsvetan Sokolov, prelevato dal Kazan, e su altri ottimi giocatori come lo schiacciatore belga Deroo e il centrale Vlasov. Per la Champions League è stato tesserato anche il libero Kerminen (che non gioca nel campionato russo), arrivato dal Kemerovo come il posto 4 Podlesnykh. Il bilancio dei match già disputati con Trentino Volley è favorevole ai colori gialloblù per 5-3; il più importante è ovviamente relativo alla Finale di Champions League del 2 maggio 2010 a Lodz con lo splendido successo per 3-0 della squadra italiana. La rosa: 1. Yaroslav Podlesnykh (s), 2. Ilia Vlasov (c), 3. Sam Deroo (s), 4. Anton Anoshko (p), 5. Romanas Shkulyavichus (o), 7. Evgeny Baranov (l), 8. Vladimir Sieemshchikov (c), 9. Yury Berezhko, 10. Cheslavs Sventitskis (p), 11. Pavel Pankov (p), 13. Maksim Belogortsev (c), 14. Aleksey Kabeshov (l), 15. Semen Dmitriev (s), 16. Ivan Korotaev (s), 17. Stanislav Diniekin (s), 19. Tsvetan Sokolov (o), 23. Lauri Kerminen (l), 24. Vadym Likhosherstov (c). Allenatore Konstantin Brianskii.
 

SECONDO AVVERSARIO: LINDAREN VOLLEY AMRISWIL Essere riuscita ad avere la meglio dei più quotati belgi del Maaseik nella Pool E del primo turno preliminare ha consentito alla compagine svizzera non solo di staccare (a sorpresa) la qualificazione al secondo turno ma anche di poterlo organizzare in casa nel rinnovato palazzetto dello sport cittadino. Per tradizione e risultati sin qui ottenuti, il Lindaren Volley è fra le principali realtà della pallavolo elvetica; la sua scalata è iniziata negli anni 90, momento in cui ha cominciato a vincere titoli nazionali e a partecipare con continuità alle coppe europee. Quella attualmente in corso è la sua seconda presenza assoluta in Champions League, mentre molto più frequente è stata la sua partecipazione alla CEV Cup (sedici volte), in cui il miglior risultato di sempre è stato ottenuto nella stagione 2018/19, quando a fermarla ai quarti ci fu proprio Trentino Volley (doppio successo per 3-0 fra il 30 gennaio ed il 13 febbraio 2019). Nella bacheca societaria trovano posto cinque scudetti (l’ultimo vinto nel 2017) e tre supercoppe elvetiche; in campo internazionale da registrare appunto una presenza ad una edizione della Champions League (nel 2017, eliminata da Perugia nella fase di qualificazione ai gironi) e anche a cinque Challenge Cup. La rosa, affidata all’allenatore olandese Marco Klok (noto agli appassionati di pallavolo italiana per aver vinto da giocatore uno scudetto nel 2000 a Roma e aver giocato in Serie A anche con le maglie di Città di Castello, Napoli e Forlì), può contare sull’esperienza del centrale Stevanovic (serbo ex Novi Sad e Losanna), sulla fisicità dell’opposto austriaco Zass (già al Friedrichshafen) che si divide il peso dell’attacco di palla alta col tedesco Höhne e lo svizzero Zeller. Il palleggiatore è l’espertissimo greco Filippov (ex Salonicco, Jastrzebski e Olimpiacos), che sin qui ha guidato la sua squadra al percorso netto nel campionato svizzero: quattro vittorie in altrettante partite, compreso il 3-0 imposto domenica allo Schonenwerd. La rosa: 1. Ramon Diem (l), 2. Luca Mueller (s), 3. Radisa Stevanovic (c), 5. Dmytro Filippov (p), 6. Bjorn Hoehne (s), 7. Quentin Zeller (s), 8. Helmut Georg Escher (c), 9. Thomas Zass (o), 11. Jan Messerli (c), 12. Alexander Lengweiler (o), 14. Edvarts Buivids (o), 15. Julian Weisigk (o), 16. Joel Maag (c), 17. Mathis Jucker (p). Allenatore Marko Klok.
 

LA STORIA DI TRENTINO VOLLEY NELLE COPPE EUROPEE Quella in corso è la decima partecipazione di sempre di Trentino Volley in CEV Champions League, la quindicesima assoluta in campo europeo. Escludendo le vittorie delle edizioni 2009, 2010 e 2011, il terzo posto 2012, la presenza nei Playoffs 12 nel 2013, quella ai Playoffs 6 nel 2015 e 2018 ed il secondo posto assoluto del 2016, la Società di via Trener ha partecipato durante la stagione 2004/05 senza troppo fortuna prima alla Top Teams Cup (dove venne eliminata dagli olandesi dell’Ortec Nesselande Rotterdam nella fase preliminare giocata al PalaTrento) e poi alla Coppa CEV, trofeo vinto nel 2019 e caratterizzato anche da due finali perse al golden set (nel 2015 con Mosca, nel 2017 con il Tours). Tenendo conto di tutte le competizioni europee disputate, Trentino Volley è sin qui scesa in campo per 132 gare ufficiali: il bilancio è di 106 vittorie (54 a Trento, 52 in trasferta) e 26 sconfitte (20 in Champions League, 5 in CEV e 1 in Top Teams Cup). Il risultato più frequentemente ottenuto è il 3-0, ricorso nel 49% dei casi (65 partite, 39 di queste casalinghe); quello che si è verificato il minor numero di volte è la sconfitta per 0-3 (cinque volte).
 

GLI ARBITRI Dinamo Mosca-Trentino Itas sarà diretta dal polacco Wojciech Maroszek e dall’’ungherese Tibor Halasz. Il fischietto magiaro dirigerà le operazioni anche nella gara del giorno dopo (Lindaren Amriswil-Trentino Itas), in questo caso assieme allo spagnolo David Fernandez Fuentes. Gli unici due ufficiali a vantare precedenti con Trentino Volley sono Maroszek (tre precedenti, tutti nel Mondiale per Club 2018, compresa la Finale vinta contro la Lube per 3-1 il 2 dicembre) e Fernandez Fuentes, che ha diretto Trento-Chaumont 3-0 del 20 marzo 2018 (ritorno dei Playoffs 12 di Champions League).
 

RADIO ED INTERNET Le due gare saranno raccontate in cronaca diretta ed integrale da Radio Dolomiti, network partner della Trentino Volley. Le frequenze per ascoltare il network regionale sono consultabili sul sito www.radiodolomiti.com, dove sarà inoltre possibile ascoltare anche la radiocronaca live in streaming.
Prevista anche la diretta in streaming video sullo spazio web “EuroVolleyTv”, all’indirizzo internet www.eurovolley.tv; il servizio è a pagamento. Per info sui pacchetti offerti www.eurovolley.tv/en-int/page/pricing-and-faq.
Per seguire l’evolversi punto a punto delle partite sarà invece possibile consultare il sito ufficiale della CEV all’indirizzo www.cev.eu/Competition-Area/CompetitionView.aspx?ID=1259, che fornirà il live score di tutti i tre match, o quello di Trentino Volley www.trentinovolley.it che offrirà anche la cronaca set per set pochi minuti dopo la conclusione di ogni singolo parziale. Gli aggiornamenti saranno sempre attivi anche sui Social Network gialloblù (www.trentinovolley.it/facebookwww.trentinovolley.it/instagram e www.trentinovolley.it/twitter).
 

(fonte Trentino Volley)

 

Commenti

Caos palestre, alcuni Comuni chiudono gli impianti scolastici. Ma per le "squadre nazionali" c'è una via...
Rinviata per un caso di Covid-19 la partita di questa sera, niente trasferta a Chieri per la Delta Despar