A1 maschile

Cinque set di vera battaglia ma, alla fine, sorride la Diatec Trentino: espugnato il PalaPanini

19.02.2018 01:43

 

La Diatec Trentino conferma la propria produttività esterna anche nell’appuntamento lontano dal PalaTrento più difficile del suo girone di ritorno di SuperLega UnipolSai 2017/18. Con una prestazione tutto cuore, carattere, grinta e tecnica, i gialloblù stasera hanno espugnato il PalaPanini di Modena al tie break, assicurandosi l’edizione numero 69 del sentitissimo derby dell’A22 con l’Azimut. Il successo, oltre ad allungare la striscia di affermazioni in trasferta in campionato (arrivata a quota otto), consente alla squadra di Lorenzetti di riappropriarsi del quarto posto solitario in classifica, grazie anche alla sconfitta in tre set a Civitanova di Verona. I due punti conquistati in Emilia sono arrivati al termine di una gara molto equilibrata e vibrante, in cui la formazione di Lorenzetti ha dimostrato, pur priva di Hoag, di sapere reggere la pressione degli oltre 5.000 spettatori presenti (fra cui un centinaio di tifosi trentini) e di poter portare a casa con lucidità una partita che dopo il primo set perso al fotofinish poteva prendere una brutta piega. La continuità a rete di Kovacevic (alla fine mvp e best scorer con 23 punti personali, di cui tre ace, ed il 51% in attacco), gli spunti decisivi di Capitan Lanza (21, suo l’ace che ha deciso ai vantaggi il secondo set) e l’attenta regia di Giannelli hanno saputo fare la differenza contro una Modena, che priva per lunghi tratti di Ngapeth, ha dovuto sovente affidarsi agli ex di turno Urnaut (22) e Mazzone (11). L’ottimo lavoro svolto fra muro e difesa a gioco lungo ha pagato, così come la scelta di insistere su Vettori, alla fine decisivo col 50% a rete.
La cronaca del match. La Diatec Trentino si presenta al PalaPanini priva di Hoag (dolorante alla spalla destra ed in panchina solo per onor di firma), motivo per cui Angelo Lorenzetti ripropone nuovamente Vettori opposto in diagonale a Giannelli, Lanza e Kovacevic in banda, Eder e Kozamernik al centro, De Pandis libero. L’Azimut Modena, senza Sabbi ed Earvin Ngapeth, risponde con Bruno in regia, Argenta opposto, Van Garderen e Urnaut schiacciatori, Holt e Mazzone centrali, Rossini libero. L’avvio degli ospiti è fulminante, con Lanza che mette a terra subito due break point per il 6-4, diventando così già il secondo miglior marcatore di sempre di Trentino Volley (scavalcato Juantorena a quota 2.662); Modena non si scompone e grazie ad un attacco di Van Garderen e un errore a rete di Kovacevic agguanta la parità già a quota 8. Una schiacciata out di Argenta e una pipe fallosa dello stesso schiacciatore olandese consentono alla Diatec Trentino di riaccelerare (12-9, time out di Stoytchev), poi ci pensa Kozamernik con due ace su Rossini a consegnare il massimo vantaggio (+4, 16-12). In seguito il margine aumenta ancora con Kovacevic (+6, 20-14) ma l’Azimut non demorde e si rifà sotto con l’ingresso di Swan Ngapeth (che mura Vettori per il 20-17). E’ proprio il muro a riaccendere i padroni di casa: Holt ferma il mancino serbo, poi l’opposto viene stampato da Urnaut per il 21-20. Nel finale di parziale Modena passa incredibilmente avanti, approfittando degli errori della squadra di Lorenzetti (23-24); alla terza palla set è proprio un attacco abbondante di Vettori a consegnare l’1-0 interno (26-28).
Trento prova a reagire in avvio di secondo parziale con gli ace di Kovacevic (2 per il 5-3) ma Modena la riprende immediatamente col block di Mazzone su Kozamernik. Serve allora tutta la classe di Lanza sul mani out per rilanciare il punteggio della Diatec Trentino (10-7), che difende bene il gap sino al 15-12, prima di farsi riprendere dalle battute di Holt (15-14). Per ripartire ancora una volta sul +3 (20-17) serve un buon momento di Vettori. Anche in questo caso però l’Azimut ricuce lo strappo già sul 22-22, approfittando degli errori trentini (del neoentrato Zingel e di Lanza); ai vantaggi stavolta la spuntano gli ospiti, che si fanno annullare una palla set sul 24-23 e poi realizzano la seconda (ace di Lanza) dopo averne tolte due agli emiliani.
Si riparte sull’1-1 con l’Azimut Modena che stavolta prova, contrariamente a quanto successo in precedenza, a scappare (8-5, 10-10 e poi anche 17-15) ma Trento con Kovacevic prima ed Eder Carbonera poi riesce puntualmente a riprendere l’avversario sino al 17-17 (time out Stoytchev). La Diatec Trentino mette la freccia con Kovacevic sul 21-20, poi ci pensano ancora il centrale brasiliano e Giannelli (muro a uno su Swan Ngapeth) a consegnare il 2-1 esterno già sul 25-22.
Con le spalle al muro, i padroni di casa provano ad indirizzare subito il punteggio nel quarto set con Holt e Argenta sugli scudi (5-8), ma Trento a muro è spettacolare e grazie a Giannelli pareggia i conti già a quota 9. Stoytchev getta nella mischia allora Earvin Ngapeth (in campo per il fratello) e il francese guida quasi da solo fra attacchi ed ace i suoi al nuovo allungo (13-16 e poi (14-19); è lo spunto decisivo per protrarre la contesa sino al tie break perché la squadra di Lorenzetti lascia spazio all’assolo di Urnaut (16-22), che si conclude con un ace sul 17-25. 
Il quinto set regala di nuovo equilibrio massimo (4-4, 8-7), poi Giannelli e Kovacevic offrono il +3 (11-8). Trento arriva sino al 14-10, Modena risale col muro fino al 14-13 ma poi sbaglia il servizio con Holt che consegna la vittoria per 3-2 (15-13).
Abbiamo trovato una Modena in difficoltà anche a livello di organico e va riconosciuto ancora prima di analizzare questo successo che per noi è molto importante – ha dichiarato l’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti al termine del match - . Anche noi avevamo qualche problema di formazione ma dopo la gara di mercoledì sera era fondamentale ripartire in un appuntamento che al PalaPanini si prospettava difficile. Avevo chiesto ai ragazzi di mettere in atto determinate azioni e di vivere al massimo una partita che poteva essere spettacolare e che si è confermata tale. Siamo contenti per il risultato ma anche per la prestazione".

La Diatec Trentino tornerà in campo già mercoledì 21 febbraio al PalaTrento, per affrontare la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia nel ventiquattresimo turno di campionato; gara in abbonamento, prevendita biglietti già attiva anche su internet al link diretto https://www.vivaticket.it/ita/event/diatec-trentino-callipo-vibo-valentia/109766.  

Di seguito il tabellino della partita valida per la ventitreesima giornata di regular season di SuperLega UnipolSai 2017/18 giocato questa sera al PalaPanini di Modena.

Azimut Modena-Diatec Trentino 2-3
(28-26, 26-28, 22-25, 25-17, 13-15)
AZIMUT MODENA: Argenta 13, Van Garderen 1, Holt 9, Bruno 3, Urnaut 22, Mazzone 11, Rossini (L); Ngapeth S. 9, Pinali 1, Ngapeth E. 7. N.e. Franciskovic, Bossi, Marra. All. Radostin Stoytchev.
DIATEC TRENTINO: Eder 13, Giannelli 8, Kovacevic 23, Kozamernik 8, Vettori 16, Lanza 21, De Pandis (L); Chiappa (L), Hoag, Zingel, Teppan, Cavuto, Partenio. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Vagni di Perugia e Rapisarda di Udine.
DURATA SET: 37’, 34’, 27’, 28’, 19’; tot. 2h e 25’.
NOTE: 5.111 spettatori, incasso di 75.102. Azimut Modena: 11 muri, 5 ace, 14 errori in battuta, 7 errori azione, 47% in attacco, 48% (30%) in ricezione. Diatec Trentino: 10 muri, 7 ace, 21 errori in battuta, 14 errori azione, 50% in attacco, 53% (28%) in ricezione. Mvp Kovacevic.

 

(fonte Trentino Volley)

Commenti

Sesto stop consecutivo per l'Anaune La Tecnica Center Lift: a Cles la BluVolley Verona passa 1-3
In casa della cenerentola Adro una Walliance Ata pasticciona e fallosa torna a conquistare i tre punti